Com’è incontrare un influencer di social media marketing

Quando si pensa a “dipartimento di management” forse vengono in mente tanti professori in giacca e cravatta con la 24 ore, lavagne piene di calcoli e grafici, proiettori che mostrano modelli matematici o serie temporali.

Invece nel mio dipartimento di management è successo che lunedì scorso è venuto a tenere una lezione per il Marketers Club Rudy Bandiera, un esperto di digital marketing che ha un’agenzia di comunicazione non-convenzionale a Ferrara, uno che twitta tantissimo e non ha paura di esprimere la sua opinione in niente che lo riguardi.

Cosa mi potevo aspettare? Sapevo che era un blogger, avevo letto qualche suo articolo in preparazione all’esame di #WebMktgUnive. Appena avevo visto l’evento Marketers, mi ero iscritto all’istante, senza nemmeno pensare al giorno, al luogo, o al prezzo. Avevo solo pensato che questa non me la potevo fare scappare.

Certo, la description Twitter di Rudy parla da sola: “Blogger, consulente Web e giornalista per non farci mancare niente, nel tempo libero leggo, non mi muovo e mi nutro di grassi saturi”. Che figata di vita.

E alla fine quando arriva lo vedi in polo, pieno di tatuaggi tra cui spiccano il simbolo del WiFi e la scritta “panta rei”, e si capisce subito che è un tipo, questo. Come prima o seconda cosa ci dice “io dico tantissimi “cazzo” quando parlo, spero non sia un problema”. BAAAM, ecco uno che dice le cose con la pancia, oltre che con (tanto) cervello.

Comincia a parlare: è una bomba. Un figo assoluto, sinceramente esaltante, non riesco a schiodargli l’attenzione di dosso.

Parla per tre ore di marketing relazionale, social media marketing, branding nell’era dell’online, brand reputation, strumenti di misurazione. Fa ridere tutti perché obiettivamente sa coinvolgere il suo pubblico, ma nel frattempo lo appassiona e gli dà qualcosa in più. Passano tre ore che sembrano tre minuti, e ne vorresti di più, almeno fino a pomeriggio inoltrato, anzi: vorrei seguire un intero suo corso.

Vorrei che l’università fosse piena di professori così, ma penso che se fosse professore forse si atteggerebbe in modo diverso; o forse no, ed è questo che me lo fa apprezzare. La sincera passione che lo muove. Alla pausa lo incontriamo mentre beviamo il caffè, e ci chiede “vi sta piacendo? Come sta andando?” e ci fa capire che tiene davvero alla nostra opinione, che vuole stabilire una connessione con il suo pubblico.

In una frase: ci fa capire a tutti che se un giorno vorremo far capire alle aziende che devono imparare a raccontare la propria storia con passione, i primi a fare le cose con passione dobbiamo essere noi, come ci insegna Rudy.

Esperti di marketing come Rudy Bandiera fanno davvero percepire che il marketing è cambiato, che il marketing lo fanno persone diverse rispetto al passato, che il marketing è ascoltare, interessare, interagire, e sì, alla fine anche vendere. Ma solo alla fine: come fosse una conseguenza naturale di tutto ciò che si è fatto prima trasparentemente.

E soprattutto Rudy mi fa capire che potrò fare marketing anche io, nonostante il mio basso profilo e il mio poco essere “venditore di ghiaccio agli eschimesi” (o venditore di Folletti, per usarne una sua). Infatti, in un’era dove la reputazione si costruisce coniugando professionalità, impegno e passione, uno studente (futuro lavoratore) che ha queste caratteristiche le fa emergere facilmente.

E infatti questa settimana sono arrivate due conferme. La più importante è che partirà uno stage importantissimo per un’agenzia di digital marketing, di cui non voglio dire niente perché semplicemente non vedo l’ora di cominciarlo, e (forse) ne parlerò a tempo debito. A inizio maggio manca davvero poco: sono in fibrillazione, ci metterò tutto me stesso, e finalmente dopo sette mesi potrò vedere le cose che studio in un’azienda vera, seria, e che mi dà una grossa opportunità.

Il cammino della #MarketersLife continua: non so ancora se il web marketing sarà la mia vita (anche se farò di tutto perché lo sia), ma di sicuro sarà l’inizio della mia carriera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...